IL NOSTRO SITO è IN RIFACIMENTO. CI SCUSIAMO SE ALCUNE PARTI DEL SITO ATTUALE FOSSERE NON ATTIVE. GRAZIE PER LA COMPRENSIONE.
. .
Benvenuto

TI TROVI IN HOME -> ATTUALITÀ -> Grossman: niente odio, credo nella pace


Grossman: niente odio, credo nella pace
Stampa la notizia: Grossman: niente odio, credo nella pace 


Qualcuno con cui correre, qualcuno con cui parlare. «Shalom. Sono nato in Israele. Sono uno scrittore, ho scritto per adulti e ragazzi, anche per bambini». Ed è per i ragazzi, come lo sono i suoi Uri, Yonatan e Ruti («ho tre figli», dice, e continua a usare il presente anche se «uno l'abbiamo perso in Libano quest'estate»), che David Grossman esce per la prima volta dalla reclusione del silenzio, che si spinge oltre il muro del dolore privato, alzato quando il tank del figlio Uri saltò in aria in un villaggio libanese.

Era il 14 agosto, 24 ore alla tregua, quando «la vita si è fermata» e «noi, la nostra famiglia abbiamo perso la guerra». È venuto a Cagliari al festival Tuttostorie, a parlare di libri per ragazzi. L'accompagna la moglie Michal. Una rosa bianca in mano, un minuscolo orsetto di pezza nell'altra, una lettera chiusa. C'è Yonatan, testona di capelli rossi e denti larghi, più bambino dei suoi 24 anni, che aiuta lo staff a coprire coi teloni di nylon le statue di carta prima del temporale.

Gentili, timidi, uniti. Si fida, David Grossman, del patto tra lui, pacifista e scrittore tra i più celebri al mondo, e gli adolescenti di Cagliari (hanno letto tutti almeno Ci sono bambini a zig zag e Qualcuno con cui correre): parlare solo di libri, non di politica, della sofferenza. Una consegna che nessuno dei ragazzi violerà. Ma tanto è inutile, perché David Grossman è incapace di separarli. O di separare la letteratura da sé stesso, «tutto quello che scrivo è autobiografia, anche quello che non mi è successo».

Si presenta così: «Scrivo di cose molto private e intime, e di argomenti generali, di politica. Non potrei altrimenti, nessuno scrittore israeliano può. Israele esiste in condizioni politiche estreme». È tornato a scrivere, dopo Uri, nonostante Uri. «Sì, ho un nuovo romanzo, ma è così complicato che mi ci vorranno sei anni a finirlo». Parlerà delle tensioni che nascono in «una situazione dominata dall'odio, dall'occupazione, dal terrorismo» e «della fragilità nella vita intima di una famiglia ». Ama gli adolescenti. «Ha a che fare con l'energia.

I miei libri per ragazzi sono più ottimistici. No, non credetemi un ingenuo: sono stato un adolescente solitario. Eppure, c'è una cosa che amo di quell' età: la capacità di credere che è possibile cambiare le cose, se stessi, il mondo». I libri dedicati ai figli. Si confessa: «Ho bisogno di creare una bolla che preservi i miei sentimenti. Dite che non c'è guerra nei libri per i ragazzi? Ma ce n'è tantissima negli altri. Anzi, ne sono ossessionato: da cosa significhi vivere nel timore dell'annientamento, nella paura di non esistere più, dall'occupazione e dell' impatto che essa ha sulla nostra moralità di israeliani. È come un acido, che penetra attraverso ogni coperta con la quale ti proteggi. Penso spesso che troppa parte della mia vita è stata confiscata dall'odio».

Pagina: 1/2

Prossima pagina (2/2) Prossima pagina






.

Languages

Englishitaliano

CHI SIAMO

Video - Chi siamo

EVENTI

PERCORSI DI FEDE


UNO SI CHIEDE: PERCHÉ?

Percorsi di fede a fumetti

Fumetto

Fumetto

NEWSLETTER

Per essere aggiornato sulle nostre attività e conoscere sempre meglio Gesù Cristo.

ISCRIVITI QUI

SITI AMICI

.




Questo sito è stato creato con MaxDev