IL NOSTRO SITO è IN RIFACIMENTO. CI SCUSIAMO SE ALCUNE PARTI DEL SITO ATTUALE FOSSERE NON ATTIVE. GRAZIE PER LA COMPRENSIONE.
. .
Benvenuto

TI TROVI IN HOME -> ATTUALITÀ -> NATALE SENZA LUCI, REGALI E PANETTONI


NATALE SENZA LUCI, REGALI E PANETTONI
Stampa la notizia: NATALE SENZA LUCI, REGALI E PANETTONI 


L'autore fa parlare il pastore del presepe «che se ne sta lì con la bocca spalancata e gli occhi sorpresi che guardano in alto» e ci riporta il Natale al suo originario significato cristiano così lontano da quella festa del consumo che è diventato. 

Quel pastore dice: «Anche quest'anno, risvegliato dal mio sonno nello scatolone di cartone, accanto agli altri miei compagni ed amici, ho sentito rinascere la meraviglia per il mondo che mi si costruiva intorno: la giovane donna disposta a donarsi a Dio e alla storia, il suo compagno falegname, paziente, fedele, aperto all'irrazionalità di sogni più grandi di lui, il piccolo Dio che piange lacrime di freddo e di fame. E poi la stella in cammino, i canti degli angeli, la notte che si risveglia, la gente, la natura.

 

Ma qualcosa di nuovo nasceva in me, un da quest'angolo di meraviglia? Questo tarlo penetrava sempre più a fondo nella mia testa, ma senza spegnere l'incanto, ed è stato con grande difficoltà che ho deciso di andare via, con difficoltà ma con un insopprimibile bisogno di capire, di vedere. Fuori dal presepe di legno, fuori dalle case e dalle chiese, sono andato in strada, nei posti che non conoscevo, a misurare il mio stupore su altri scenari, su strade diverse, in altre notti... Abbiamo colto l'essenziale perché eravamo poveri, come lo sono ancora oggi, la maggior parte dei vostri fratelli di questo mondo e di questo tempo.

 

"Natale della crisi economica": mi viene quasi da sorridere. L'economia non ha nulla a che vedere con il mio Natale. E nemmeno le vostre strade colorate di luci, ivostri panettoni, i vostri regali. Io non ho niente da darvi, nulla da dare a nessuno, non avevo nulla nemmeno quella notte di tanti anni fa: solo il mio stupore, il mio incanto, il mio silenzio, il mio esserci. -Solo la speranza che il mio nulla fosse scritto in una storia infinita.

 

Il mio Natale uguale a quello di molti di voi oggi, bambini nelle baraccopoli dell'Africa, dell'America del sud, pensionate nelle case accanto alle vostre senza soldi per una bolletta o per le medicine, immigrati su una nave in fuga dalla disperazione, giovani donne in un carcere a combattere con la propria storia. Loro come me non hanno regali da portare o canzoni da intonare. Cercano solo l'essenziale, una risposta, il senso, forse l'incanto».

Corrado Augias

(La Repubblica 24/12/2008)







.

Languages

Englishitaliano

CHI SIAMO

Video - Chi siamo

EVENTI

PERCORSI DI FEDE


UNO SI CHIEDE: PERCHÉ?

Percorsi di fede a fumetti

Fumetto

Fumetto

NEWSLETTER

Per essere aggiornato sulle nostre attività e conoscere sempre meglio Gesù Cristo.

ISCRIVITI QUI

SITI AMICI

.




Questo sito è stato creato con MaxDev