. .
Benvenuto

TI TROVI IN HOME -> LA BUONA NOTIZIA -> Un'idea originale per non marinare la scuola


Un'idea originale per non marinare la scuola
Stampa la notizia: Un'idea originale per non marinare la scuola 


«Così gli ultimi saranno i primi, e i primi gli ultimi». (Vangelo Mt 20,16)



bloomberg_200Hotel America L'ultimo della classe salvato dal secchione.
Il sindaco di N.Y. ha un'idea per convincere i teenager a non bigiare la scuola. Funzionerà?
Non conosco personalmente Michael Bloomberg, il miliardario (in soldi veri, non in vecchie lire o banconote del Monopoli) che, dopo avere accumulato alcuni container di dollari ed essere diventato l'ottavo uomo più ricco degli Stati Uniti, si è stancato di contarli, e da quasi dieci anni si diverte a fare il sindaco di New York per passare il tempo e vincere la noia della ricchezza, ma capisco la sua irritazione. Bloomberg non sopporta più quel 10 per cento di studenti di liceo newyorkesi che marinano la scuola. Costano soldi alla città che finanzia le scuole con l'Ici, quella tassa sulle case che gli americani, notoriamente più stupidi degli astutissimi italiani, continuano a pagare, e salata. Non imparano niente. Sprecano la loro giovinezza e finiscono in grande numero – statistiche alla mano – nei ranghi dei poveri, dei mantenuti dalla pubblica carità o dei detenuti, dunque, e di nuovo, peseranno sulle spalle dei contribuenti.

Da quest'anno scolastico 2010/11, che comincia proprio in questi giorni, i truant, come si chiamano negli Stati Uniti, saranno seguiti dai secchioni, da quelli che non perdono neppure un minuto di scuola, in 25 licei pilota. Ai bravi ragazzi sarà assegnato il compito ingrato di assicurarsi che i Lucignoli si presentino alle lezioni e di dare a loro il proverbiale buon esempio. Marinare scuola, o fare sega (Roma), fare manca (Veneto), bigiare (Milano e Lombardia), tagliare (Piemonte), fare forca (Toscana), caliare (Sicilia), fare filone (Puglia), lippare (Trieste), fare fughino (non so dove), come si dice nelle varie regioni italiane nelle quali la ricchezza del lessico dimostra la diffusione del fenomeno, è una piaga che nessuna disposizione, legge, regolamento o punizione è mai riuscito a curare, in nessuna nazione. Comincia a manifestarsi generalmente attorno ai 14 anni, quando ragazzi e ragazze, ma soprattutto i maschi, credono ancora di andare a scuola per fare contenti i genitori e non per il proprio futuro. A quell'età nella quale tramonta definitivamente l'infanzia, e l'adolescenza manda i primi lampi, si scatena la pandemia di nonne e nonni morti e sepolti più volte, di cani famelici che mangiano libri e quaderni, di genitori improvvisamente malati, di doppie contabilità di diari e libretti falsi – esercizio nel quale chi scrive si era specializzato meglio di un banchiere –, di scuse inverosimili, di languide mattinate trascorse ad annoiarsi e a fare qualsiasi cosa pur di non andare a scuola.

A New York, come in tutti gli Stati Uniti, le scuole private, che esigono barche di soldi dai propri eletti, tendono a seguire con molta cura e attenzione presenze e assenze di studenti che sono, prima di ogni altra cosa, clienti da conservare e da mungere fino all'ultimo centesimo dell'ultima retta, per completare l'alta missione educativa. Segretari e insegnanti telefonano a casa, ai genitori o a chi ne fa le leggendarie veci, per assicurarsi che l'assenza sia effettivamente giustificata e chiederne conto. Le scuole pubbliche invece, eternamente a corto di fondi e sovraffolate, sostanzialmente sono costrette ad abbandonare chi non vuole stare al gioco e al destino. Un destino fallimentare al quale il premuroso sindaco miliardario vuole strappare i ragazzi da quest'anno, nella battaglia fra Paperone e Franti. La truancy, ha spiegato il miliardario annoiato ai presidi delle 25 scuole che parteciperanno alla lotta contro i bigiatori di professione, non è soltanto autolesionismo e suicidio sociale per quei dieci su cento che vi indulgono con abbandono, per la maggior parte recidivi cronici. Marinare è il primo passo su uno scivolo ripidissimo che può condurre il discolo a una vita di devianze sociali, di crimine, di fallimenti. E, nei casi più gravi, può condurre quei delinquenti addirittura a diventare giornalisti.







.

Languages

Englishitaliano

CHI SIAMO

Video - Chi siamo

EVENTI

PERCORSI DI FEDE


UNO SI CHIEDE: PERCHÉ?

Percorsi di fede a fumetti

Fumetto

Fumetto

NEWSLETTER

Per essere aggiornato sulle nostre attività e conoscere sempre meglio Gesù Cristo.

ISCRIVITI QUI

SITI AMICI

.




Questo sito è stato creato con MaxDev