. .
Benvenuto

TI TROVI IN HOME -> LA FEDE NELL'ARTE / Poeti di fronte a Cristo -> Andrè Gide


Andrè Gide
Stampa la notizia: Andrè Gide 


Numquid et tu?

«Mio Dio, vengo a voi con tutte le mie piaghe che sono divenute ferite; e con tutti i miei peccati sotto il peso dei quali la mia anima è schiacciata».
«Macchia spaventosa, o lordura del peccato! Cenere che lascia dietro di sé  questa fiamma impura, scorie – puoi tu purificarmi da tutto ciò Signore? Che io canti la tua lode ad alta voce». «Signore, se dovete aiutarmi, che aspettate? Solo come sono, non ce la faccio. Non ce la faccio. Tutti i riflessi di voi, che avvertivo in me, si offuscano. È tempo che voi veniate».
«Ah, non lasciate che il Maligno prenda il vostro posto nel mio cuore! Non vi lasciate spodestare, Signore! Se vi ritirate completamente, s’insedia lui. Ah, non confondetemi del tutto con lui! Non lo amo poi tanto, ve lo assicuro. Ricordatevi che vi ho potuto amare. Come! Sarei dunque oggi come se non lo avessi mai amato?»

(Tratto da Volti di Gesù nella letteratura moderna, vol. i, ed. Paoline 1987)   


Signore, non perché mi sia stato detto che voi eravate il figlio di Dio, ascolto la vostra parola; ma la vostra parola è bella al di sopra di ogni parola umana, e da questo io riconosco che voi siete il figlio di Dio.
Per quale assurda modestia, quale umiltà, quale vergogna, ho io fino ad oggi differito di scrivere ciò che da tanti anni urge in me...
Aspettavo sempre più saggezza, più cultura, più conoscenza, come se la saggezza degli uomini non fosse follia dinanzi a Dio.
Signore, io vengo a voi come un fanciullo; come il fanciullo che voi volete che io divenga, come il fanciullo che diviene chi si abbandona a voi. – Ripudio tutto ciò che costituiva il mio orgoglio e che dinanzi a voi farebbe la mia vergogna. – Ascolto soltanto e vi sottometto il mio cuore.
Il Vangelo è un piccolo libro molto semplice, che bisogna leggere in tutta semplicità. – Non si tratta di spiegarlo, ma di ammetterlo. Esso non ha bisogno di commenti e ogni sforzo umano per chiarirlo, l'oscura. – Non ai sapienti si rivolge; la scienza impedisce di potervi nulla capire. – Vi si accede con la povertà di spirito.

(Tratto da Incontri e scontri col Cristo, ed. Ferro-Massimo 1971)

 

Soltanto chi è sceso nell'abisso, può risalire allo splendore della luce.









.

Languages

Englishitaliano

CHI SIAMO

Video - Chi siamo

EVENTI

PERCORSI DI FEDE


UNO SI CHIEDE: PERCHÉ?

Percorsi di fede a fumetti

Fumetto

Fumetto

NEWSLETTER

Per essere aggiornato sulle nostre attività e conoscere sempre meglio Gesù Cristo.

ISCRIVITI QUI

SITI AMICI

.




Questo sito è stato creato con MaxDev